Ho le mani così fredde che quasi non riesco a scrivere e decido, nell’attesa che nel mio condominio accendano questi benedetti termosifoni, di provare a scaldarmi con questa meraviglia di ricetta.

Del resto, cosa potrebbe essere più adatto a questa fredda serata di un ottobre romano, se non un avvolgente e morbido risotto ingolosito dagli ingredienti di stagione per eccellenza?? Questa versione, ahimè, non prevede il tartufo fresco (fuori portata per le mie povere tasche!), che ho sostituito con una chicca scovata durante un we a Orvieto con le mie amiche…il tartufo sott’olio.

Questo metodo di conservazione permette al tartufo di mantenere intatte le sue proprietà organolettiche e il suo sapore (anche se risulterà meno intenso rispetto a quello fresco) e non temete il fatto che sia sott’olio: non è né unto né pesante. Pronte?

Risotto-funghi-tartufo-nero

Difficoltà: Media     Tempo di preparazione: 30 min. ca.   

Ingredienti per 4 persone:

  • 400 gr. riso per risotti (la dose consigliata è di 80 gr. ma io ne faccio sempre 100 gr. a testa perché di solito viene così buono che facciamo sempre un piccolo bis!);

  • una cipolla bianca;

  • tartufo nero sott’olio (o, ad averlo, il tartufo nero fresco).

  • funghi (la varietà che più vi piace, io li uso freschi ma verrà buonissimo anche con quelli secchi – in tal caso ricordate di farli rinvenire come da istruzioni nel sacchetto);

  • sale e pepe nero q.b.;

  • burro per mantecare;

  • parmigiano da spolverare sopra;

  • vino bianco q.b. per sfumare;

  • brodo per il risotto, un pentolino;

  • 1 spicchio d’aglio;

  • olio evo q.b.

Procedimento

Iniziamo con il preparare i funghi. Puliteli delicatamente per togliere la terra, se avete uno spazzolino nuovo potete usare quello per puliteli meglio. Tagliarli grossolanamente.

Mettete in una padella uno spicchio d’aglio schiacciato e fatelo soffriggere con un paio di cucchiai di olio, fino a farlo dorare. Aggiungete i funghi e fateli dorare leggermente, sfumate con il vino bianco e, appena sarà evaporato, abbassate il fuoco, salate, pepate e lasciate cuocere.

Adesso, facciamo il risotto! Devo ammettere che è uno dei miei tasti dolenti..quando ho iniziato a cimentarmi in cucina da sola ho provato più volte a fare il risotto ma per un motivo o per un altro non veniva mai granché!

Con il tempo (e un aiuto fondamentale) ho imparato a farlo a regola d’arte e devo dire che è più semplice di quanto sembri! Fate un battuto di cipolla bianca tagliata sottile e a piccoli pezzi, mettetela in un wok (io lo preferisco alla classica pentola) con l’olio e lasciatela dorare, unite il riso, e fatelo brillare (cioè da bianco, deve diventare trasparente).

A questo punto, unite i funghi con il loro sughetto, abbassate la fiamma e fate cuocere, aggiungendo poco alla volta il brodo, un mestolo alla volta, fino a cottura ultimata.

Spegnete e assaggiate per regolare di sale, aggiungete il burro e, se vi piace, il parmigiano e lasciate mantecare.

Alla fine, aggiungete il tartufo e una grattugiata di pepe nero.

Servite e leccatevi i baffi!

G.

Risotto-funghi-tartufo-nero